Associazione Microfinanza e Sviluppo Onlus



Dal 2 Agosto al 13 Agosto si svolgerà la seconda missione nel villaggio di Malinyi, Tanzania, per installare due lampioni ad energia solare nella zona del mercato.

Se vuoi offrire un contributo alle attività puoi effettuare un bonifico all’IBAN: 

IT 92 K 08304 01815 000015319508

intestato ad Associazione Microfinanza e Sviluppo

Grazie a chiunque voglia contribuire con un piccolo gesto che vale tanto!

Tutte le attività che finanzierai saranno documentate e rendicontate. 

Ricordiamo che le donazioni alle Onlus comportano un vantaggio fiscale per chi le compie,

risultando detraibili per il 26% nella dichiarazione dei redditi!


GIAMPIETRO PIZZO NELL’INCONTRO SUL MICROCREDITO ALLA CAMERA DEI DEPUTATI

21 LUGLIO 2015


Martedì 21 Luglio il vicepresidente di Associazione Microfinanza e Sviluppo e Presidente di Microfinanza Srl Giampietro Pizzo è intervenuto all’incontro organizzato dall’Ente Nazionale del Microcredito che si è svolto presso la Camera dei Deputati, presieduto dal Presidente della Camera Laura Boldrini.

L’incontro ha avuto ad oggetto lo stato dell’arte della situazione del microcredito in Italia, a partire dal quadro normativo vigente.

Ricordiamo che nell'ambito della recente riforma del Titolo V del Testo Unico Bancario (D. Lgs. n. 141 del 13 agosto 2010) è stata prevista una specifica disciplina per i soggetti operanti esclusivamente nell'ambito del microcredito, inteso come l'attività di concessione di finanziamenti di limitato ammontare rivolta a persone fisiche o microimprese che hanno difficoltà ad ottenere credito da parte delle banche, con la finalità di favorirne l'inclusione finanziaria. La volontà di regolamentare questo settore deriva dalla presa di coscienza della forte efficacia del microcredito come strumento di lotta all’esclusione finanziaria e sociale.

Con il D.M. n. 176 del 2014 è stato introdotto il regolamento attuativo della riforma sopra citata, determinando una serie di regole e presupposti per gli operatori che saranno chiamati ad esercitare l’attività di microcredito, tra cui: i requisiti per poter beneficiare del finanziamento e le sue finalità; i servizi ausiliari di assistenza e di monitoraggio; i limiti oggettivi relativi a volume attività, condizioni economiche applicate e ammontare massimo dei singoli finanziamenti; i requisiti richiesti per svolgere l'attività di microcredito; l'informativa da fornire alla clientela.

Ad oggi, nonostante lo sforzo legislativo, il quadro appare ancora incerto. Sono ancora molti gli interrogativi e le incognite che gravano sui futuri operatori di microcredito. Alcuni degli aspetti più rilevanti sono stati trattati durante l’incontro. Giampietro Pizzo ha sottolineato, in particolare, l’importanza dei servizi di accompagnamento non finanziari (quali l’educazione finanziaria, il tutoraggio e la consulenza all’impresa, il monitoraggio ecc.) e la necessità che tali servizi possano contare su fonti di finanziamento pubbliche, come i fondi europei, che possano garantire la sostenibilità dei servizi a beneficio di una larga fetta di popolazione che ancora oggi rimane esclusa dai circuiti finanziari tradizionali.

Di seguito l’estratto video dell’incontro. L’intervento di Giampietro Pizzo si colloca da 1:55:30 a 2:04:00